LA PROCESSIONE

cover.jpg

La processione che porterà il relitto recentemente recuperato della nave di rifugiati che affondò nel Canale di Sicilia il 18 aprile del 2015 attraverso l'Europa incarna ed esprime il diritto umano alla mobilità, commemorando tutte le vittime della migrazione causata da politiche disumane.

La processione partirà da Palermo, facendo riferimento sia alla Carta di Palermo - per la libertà di movimento come diritto umano - sia alla tradizione locale della sincretica processione di Santa Rosalia che rappresenta la vittoria sulla peste e la celebrazione della vita.

La processione si sposterà in diversi luoghi in Italia e attraverserà i confini di Francia, Germania e Belgio, fino alla sede dell'Unione Europea a Bruxelles. Qui il relitto si fermerà definitivamente e sarà esposto permanentemente di fronte al Consiglio e alla Commissione Europea come monito e monumento transnazionale alle politiche migratorie fallimentari dell'Europa e alla macchina legislativa che crea illegalità e distruzione sociale.